Sei sempre stato morto

Sei sempre stato morto




Sei sempre stato morto,
non sei mai risorto,
contorto nel tuo essere,
incapace anche di tessere
una storia romanzata,
un ricordo di vecchie cose,
di una me innamorata.

Ma forse son io che sbaglio
vivo e voglio raccontare,
dico cose non reali
dico pure che sai amare.

Amore. Amaro
il ricordo di te.
Come un somaro
io mi commuovo
pensandoti.
Pensando al tuo cadavere,
al corpo immaginato
di un uomo mai esistito.

(Federica Lucantoni)

 

Licenza Creative Commons
Sei sempre stato morto diFederica Lucantoni è distribuito con Licenza Creative Commons Attribuzione – Non commerciale – Non opere derivate 4.0 Internazionale.
Based on a work at http://www.ilvinoeleviole.it/sei-sempre-stato-morto/.
Permessi ulteriori rispetto alle finalità della presente licenza possono essere disponibili presso http://www.ilvinoeleviole.it/sei-sempre-stato-morto/.

Commenti Facebook