Requiem de n’amore lampo

Requiem de n’amore lampo


REQUIEM DE N’AMORE LAMPO

 

Core, tempo e memorie t’ho mostrato;

ogni alba e ogni crepuscolo a te ho pensato;

pure l’anima mia come se n’bastasse a te ho giurato

e ner gabbio dei tuoi occhi so rimasto imprigionato.

 

Come facevo a sapè che tutto ciò nun te sarebbe bastato?

Te volevi quello alto grosso e biondo in sella de n’cavallo alato;

che ce fai co sto sfigato? A malapena ha sviluppato!

Fosse pe lui sarebbe già sopra a n’divano, pensionato.

 

E’ pur vero che quer poco che c’aveva, senza storie te l’ha dato;

poco ma tutto, l’hai guardato, co na mano accartocciato

e senza pensacce, l’hai stracciato e sopra c’hai sputato.

 

Ormai povero de tutto er poeta è rassegnato

e  ar primo sol de primavera, non contento de quello che ha passato,

e lacrime sue t’ha dedicato.

 

Mo però st’amore deve esse sotterato,

fallo mo che er tericcio s’è bagnato,

si o so sta rima ar bacio ha m’po stufato,

ma fateme esse ironico ner pianto disperato!

Prima che pe la mancanza de n’profumo, me moro pure suicidato.

(Umberto Ascione)