Piuttosto che (ma veramente ancora lo usate impropriamente?)

Piuttosto che (ma veramente ancora lo usate impropriamente?)


Quando abbiamo parlato per la prima volta del “piuttosto che” improprio, correva l’anno 2012.

Badate bene, già noi ne parlavamo in ritardo, l’Accademia della Crusca già da anni lo aveva intercettato (i dettagli li trovate nel nostro post di allora).

Mi stupisco molto di sentirne ancora almeno uno ad ogni riunione, in ogni trasmissione radio o TV, o ad ogni incontro formale al quale partecipo. Ad usarlo, generalmente, sono persone moooolto sicure di sé e molto sicure di parlar “bene” proprio perché lo usano!

USCITENE!