Filastrocca della neve a Roma

Filastrocca della neve a Roma


Quanno a Roma c’è la neve
a la gente je conviene
de sta’ a casa cor termosifone
e guardalla dar barcone.
Ma co Roma tutta bianca
non ce n’è uno che se stanca
de sta pe strada a fa’ a pallate
e a commenta’ le cose innevate.

“stammatina ‘na sopresa
quanno ho aperto la persiana
coll’aria tutta a tramontana
de neve bianca ‘na distesa!”
“tutto novo è co la neve
ogni distanza pare breve
se cammina pe le strade
propio in tutte le contrade!”

Dalle montagne tutte ‘mbiancate
fino alle periferie e nelle borgate,
dall’Alessandrino ar Tuscolano,
da Tor di Quinto fino ar Nomentano,
dall’Appio Latino fino a Portuense,
dar Novo Salario fino ar Gianicolense:
tutti de bianco e de grandi pupazzi
tutti che giocheno come regazzi!

E quanno che scenni pe la strada
tutta la gente ‘mbambolata:
chi soride chi è contento,
tutti pe strada in gran fomento
e n’ce stà ‘na macchina né ‘n motorino,
ce sta solo un gran casino
gente che ride, che gioca, che sarta
perché la neve tutti li esarta.
A comincia’ da quer vecchietto
“guarda la neve sopra quer tetto”,
pe continua’ cor regazzino
che tira le palle a su’ cuggino
ma becca la donna vestita de rosa
che nun se ‘ncazza tanto è giojosa,
mentre er marito spala er giardino
e grida ar fijo: “vie’ da papino!”.

Perché a Roma la neve vie’ poco, poco
E quanno ce sta è pe tutti ‘n ber gioco,
tutti se scordeno che so’ arabbiati,
escono a spasso e li vedi beati.
Ma allora io dico ma sete ‘mpazziti?
Serve la neve pe nun esse stizziti?
E propio pe questo io c’ho ‘na proposta,
vale dar centro fino a la costa:
domani cor sole e senza la gelata,
ve vojo soridenti tutta la giornata!
Ve vojo comunque pe strada a gioca’
manco ‘na macchina vojo vedevve guida’!
E pe er pupazzo poi s’organizzamo
lo famo coi fiori o se lo ‘nventamo!
E pure se domani la neve sarà sciorta
ve vojo vede’ ‘n piazza a fà ‘na giravorta!

 

(Filastrocca di Federica Lucantoni

foto di Sara Cervelli www.saracervelli.it)

Commenti Facebook