Er primo compleanno de mi fijo

Er primo compleanno de mi fijo


Era er dì 3 de maggio

un giorno de vacanza

er cielo tutto ‘n raggio

io co ‘na panza tanta.

 

Tu era già da ‘n pezzo

che te movevi tutto

mancava ‘n mese e mezzo

ma già volevi uscì.

 

E ‘nfatti in poche ore

premendo de capoccia

hai rotto er sacco, l’acque

e sei venuto fora.

 

Er tuo temperamento

già s’era ‘mmagginato

nun c’hai ‘n tentennamento

si voi ottené quarcosa.

 

E ‘nfatti puro allora

tu t’eri già ‘mpuntato

volevi saltà fora

e nun cambiavi idea.

 

Ma fijo mio, lo sai

‘sto monno nostro è ‘nfame

e subbito hai provato

la pena de campà.

 

Però pe’ carità

sei stato puro bene

co’ tutti l’amichetti

der tuo reparto TIN.

 

Là nell’incubatrice

c’avevi l’aria bona

co’ vitto e alloggio aggratis

e bella compagnia.

 

Peccato pe’ i capelli

che t’hanno dimezzato!

Prima eri ‘n ber moretto

poi ‘n frate scapijato.

 

Ma pe’ mamma e papà

tu eri sempre bello

puro si sulla coccia

nun c’era più ‘n capello.

 

Malgrado ch’eri secco

e tutto rattrappito

pe’ noi eri più fico

der fijo de Brad Pitt.

 

La prima notte a casa

e chi ha dormito mai?

Stavamo sempre a vede

se stavi a respirà.

 

Er latte nun volevi

la sisa la schifavi

però uguale crescevi

nun davi quei problemi.

 

C’hai messo pochi mesi

te sei ringalluzzito

sei diventato biondo

e hai preso a fà La La.

 

Co’ quella tua vocetta

hai sempre protestato

pe’ fa capì a noi grandi

tu che volevi fà.

 

Er primo tuo interesse

è stato de giratte

sur fianco e sulla panza

pe’ mejo guardà er monno.

 

Appena hai gattonato

nun sei stato più fermo.

Lo spazio che t’è dato

nun t’è bastato mai.

 

Tu sempre voi vedè

si c’è quarcosa in più

si te poi divertì

in modo differente.

 

Pe’ te le staccionate

le porte e li confini

so’ fatti pe’ saltalli

vedè che ce sta fori.

 

Te piace scherzà e ride

ma si c’è ‘no spiraglio

pe’ prende e pe’ partì

te viè la faccia seria.

 

“Mo però nun rompete

lassateme da solo

che devo fa ‘na cosa

me devo concentrà!”

 

Te piacciono li cani

te piace l’artra gente

te piacciono i rumori

te piace fà caciara.

 

Però ce sta un momento

che quello è solo er nostro

che è quanno te viè sonno

e te voi coricà.

 

Allora nun c’è storia

nun c’è bau bau che regga

s’annamo a mette a letto

io, tu e er bibberonne.

 

T’accoccoli sur fianco

ritrovi la tua calma

te ciucci tutto er latte

e dormi co’ la mamma.

Commenti Facebook