Er Bionno Tevere

Er Bionno Tevere


Me ricordo io de sto regazzo
der bionno Tevere era ‘nnamorato
ce coreva come ‘n pazzo,
pe’ allenasse tutt’attorno,
mentre pensava mezzo ‘ntortato.

Dar Lungotevere fino a Ponte Sisto
pe’ poi ritorna’ ‘ndietro, fino a Tiberina
dove ‘na vorta s’era ‘ncontrato
co’ ‘na bella fanciullina!

E corendo rifaceva er giro dell’innamoramento suo:
da ponte a ponte senza guarda’ chi c’avea de fronte

faceva quer percorso pe’ ricordasse
quanto s’era emozionato
a vedella e poi bacialla
prima da uno e poi dall’artro lato

Je sembrava d’esse come l’acqua dorce der fiume sotto
che score via co’ foga e co’ passione
fino ar mare dove se sposa cor sale
e diventa bella come ‘n grande amore!

(Poesia di Federica Lucantoni)

Le altre poesie d’amore delle Viole