Diario di una disintossicazione: 30 giorni senza Facebook – GIORNO #30 CHE FACCIA MI METTO DOMANI?

Diario di una disintossicazione: 30 giorni senza Facebook – GIORNO #30 CHE FACCIA MI METTO DOMANI?


Ho raggiunto il traguardo: 30 giorni senza Facebook!

Se ho voglia di rientrare? Un po’.

Se mi sento diversa? Un po’.

Rientrerò? Sì, per rivedere molti di voi, per leggere i vostri post perché alla fine mi siete anche mancati.

Farò ancora periodi di #disfacebook? Assolutamente sì! Ogni tanto è giusto staccarsi dal mondo blu e chiudersi in un bozzolo fatto (quasi) unicamente di realtà e di sostanza.

Sono disintossicata? Sì, ma consapevole che un vizio non te lo togli mai per sempre (gli ex fumatori capiranno).

In questo mese ho detto tante cose, ho spiegato cos’è il #disfacebook e cos’è Facebook, perché ho scelto il #disfacebook, riflettuto sulle bufale e i post strategici nati solo per avere clic, riflettuto sulla differenza tra essenza e apparenza (scomodando niente meno che Buber!), ho cercato di bilanciare cose serie e scemenze (le scemenze sono riassunte tutte nelle foto! :)), ho esasperato i concetti per farli arrivare in maniera più rapida, ho discusso con i miei amici il senso di un’assenza prolungata dal social, ho spiegato qual è la differenza tra Twitter e Facebook, le mie motivazioni e la necessità di fissare un punto di arrivo:

un traguardo lo si raggiunge solo seguendo un obiettivo e scrivere un diario, miracoloso supporto, aiuta a comprendersi e a capire come sta andando il percorso.

Non mi convinceranno mai che il social sia sbagliato

Rifiutare il social in una società social significa voler ignorare la direzione che ha preso il mondo. Lo troverei sensato solo se, oltre a sottrarsi al social, si ripudiasse anche la restante tecnologia.

Non mi convincerò nemmeno che Facebook sia totalmente sano

assume forme poco salutari, è fortemente influenzato dall’utilizzatore e quasi sempre ha come obiettivo l’apparenza più che l’essenza (anche persone di essenza su Facebook si trasformano in apparenza: è il mezzo che richiede di apparire).

Ciò detto, di questo breve mese mi mancherà soprattutto questo diario di disintossicazione, appuntamento fisso nel quale scandire i giorni, il tempo e gli accadimenti.

Spero di avervi fatto un po’ pensare e un po’ divertire. Io mi sono divertita.

E ora sono pronta per tornare!

MA CHE FACCIA MI METTO DOMANI?

Giorno #30, andato! #disfacebook!