“Cronaca Nera” di Umberto Ascione

“Cronaca Nera” di Umberto Ascione


Non so com’è cominciato,
ma rammento bene quanno m’ha ammazzato:
c’era er sole, marmo e vetro tutt’attorno.

Se ‘ncammina poi me guarda,
io lo stesso e resto ‘n guardia
poi quarcosa me disarma

così de punto n’bianco je s’è illuminato er viso
e co’ ‘n corpo assai preciso,
m’ha trafitto co’ ‘n soriso.

(Umberto Ascione

foto di Andrea Cavallari)