Cosa significa “carpe diem”?

Cosa significa “carpe diem”?


Carpe diem è una locuzione latina che letteralmente significa “cogli il giorno” sebbene frequentemente venga tradotta con “cogli l’attimo”.

La traduzione “cogli l’attimo”, sebbene impropria dal punto di vista letterale, trova maggior fortuna per il suo senso e se, come diceva il maestro Umberto Eco, tradurre significa dire “quasi la stessa cosa” probabilmente “cogli l’attimo” rende il significato  di “carpe diem” meglio di “cogli il giorno”.

“Carpe diem” è un invito a godere ogni giorno, ogni attimo, ogni momento, hic et nunc, perché il futuro è incerto, non prevedibile, il piacere e la bellezza sono nel presente, nell’adesso, del domani non v’è certezza.

“Carpe diem” che trova la sua prima apparizione nelle Odi di Orazio (Odi, 1, 11, 18), è un modo di vivere, di approcciare la quotidianità (“il giorno”), è l’invito ad apprezzare quel che si ha, quel che si sta vivendo, proprio in quel momento. Carpe diem è una filosofia di vita che ha un significato profondo. Proprio perché più di altre citazioni dal latino è utilizzata da molti, ha esteso il suo senso ad un significato improprio, oltre che più banale, traducibile come: “vivi il momento in maniera spensierata”, “vivi la vita in maniera spensierata”. Un classico esempio di utilizzo improprio della citazione latina che, come altri usi della lingua (si veda il blasonato “piuttosto che” improprio o errate citazioni dal latino: *Mia culpa), serve anche a darsi un tono!

Diamoci pure un tono, ma accertiamoci di non dire sciocchezze!

Per il resto, cogliete il giorno, l’attimo, la vita, tutto quello che di bello c’è ora!

 

Leggi anche
LA “GIUSTEZZA GRAMMATICALE”, COME SI VALUTA?
UN MONDO DEL LAVORO… DINAMICO!
SMART: LA PAROLA CHE TUTTI USANO (INUTILMENTE)
DARE DEL TU, DARE DEL LEI: LE REGOLE PER NON SBAGLIARE
ALLOCUTIVI INFORMALI: “CARA/O”, “TESORO”, “BELLA/O”…

 

Commenti Facebook