Caro figlio mio…

Caro figlio mio…


Caro figlio mio,

te scrivo ‘ste du’ righe che te siano da raccomannazione visto che mo sto a mori’.

Se fossi capace de ditte che so’ stati i tempi miei ... non so se so’ capace de trova’ le parole pe spiegamme. Me dispiace se a te non rimane niente se non ‘sta stanzetta nella casa condivisa co’ zio.

Io e papà tuo, figlio mio, abbiamo fatto ‘na vita de stenti. Siamo nati negli anni 80 del ‘900, siamo nati nell’epoca der niente: senza sogni, senza speranze, senza futuro. A noi n’c’è rimasto che da piagne e de sbarca’ er lunario. E pensare che semo stati figli de ‘na borghesia benestante. Co’ nonno e nonna io – da regazzetta – me ne annavo a fa’ la settimana bianca. Una bella casa de proprietà, con le vacanze assicurate. Forse non te ne accorgevi te da regazzino, ma io pe’ fatte fa’ quei giorni in campeggio in tenda risparmiavo pe’ tre mesi prima. Io e papà a mala pena facevamo 2500 euro in due e tra spesa, tasse, mutuo e bollette ce rimaneva poco. Dunque io, bello de mamma, senti un po’ che facevo. Annavo a fa’ la spesa verso l’una e mezza/due, trattavo cor fruttivendolo e je dicevo: “e che me la voi fa’ paga’ a prezzo pieno?! È de quarta mano!”. E quello (che se voleva smalti’ la robba) ce stava… ha’ da vede se ce stava. La carne però de quarta mano non te la davo. Te compravo a te ‘na bistecchina bona dal macellaro (quello che prendeva i ticket de papà) ed io e papà pe’ integra’ de proteine se magnavamo i ceci o le lenticchie. E te ridevi, bello de mamma, “buona la ciccia!”, ci dicevi. E pure cor sacrificio, t’ho spedito fori da ‘sto paese de merda! Almeno quello, pe’ fortuna!

I tempi nostri so’ stati i tempi der berlusconismo, si te lo racconto quasi non ce se crede.

Questo s’è magnato, ha fregato, ha rubato, è stato co’ la mafia, c’ha svergognato co’ l’Europa eppure ancora a febbraio der 2013 (40 anni fa da oggi, pensa ‘n po’) ancora se l’erano bell’e votato ‘n parecchi. Perché ‘sto signore, bello de mamma, aveva cambiato le teste a tutti. Coi mezzi di informazione e con le vecchie televisioni aveva convinto tutti che era bravo e che era ‘n benefattore. In realtà non ha mai dato ‘na lira a nessuno e le tasse pe’ l’impiegati erano salate come er mare!

Quindi me dispiace se a te te resta poco. Se a parte ‘sta stanzetta de ‘sta casa divisa co’ zio n’te rimane niente. Ma cor mutuo semo stati stretti e la banca s’è ripresa tutto. So’ stati tempi difficili perché la gente non capiva, era telecomandata da sta Tv e quanno semo finiti cor culo a terra, era troppo tardi.

Quindi, bello de mamma, fa’ ‘na cosa che nella storia de dittatori ce ne so’ stati tanti: er baffetto, er pelatone e ‘sto maledetto nano malfattore che s’è insinuato come ‘n tarlo e s’è magnato cervelli e vita. La vita nostra, bello de mamma. Quindi aricordate ‘na cosa: tieni sveja sempre quella bella capoccetta e mantieni ‘n bell’occhietto critico.

Solo così sarai migliore e forse non te fotterà più nessuno.

Mamma tua

26 febbraio 2053

 

Testo di Federica Lucantoni.

Foto di Sara Cervelli www.saracervelli.it

Commenti Facebook